logo
Main Page Sitemap

Case chiuse friuli





Il primo, a Crespano detto Toni, pretende oggi un albo professionale per lo prostitute.
E' la strada giusta per togliere questo business alle mafie, alle strade e al degrado: il modello austriaco è il più efficiente".
Il commissario della Comunità Montana Lino Not ha preso contatti con l'assessore regionale all'Energia Sara bordelli vichi Vito e in settimana ci sarà un incontro urgente per fare il punto della situazione e disporre gli interventi necessari.
Le mafie poi, anche nel Nordest, dimostrano di trovarsi particolarmente a proprio agio con gli affari legali".Dopo 61 anni resta una battaglia di provincia combattuta in casa: il bassanese Antonio Guadagnini contro la chioggiotta Angelina Merlin.A Malborghetto Valbruna e a Pontebba gli istituti scolastici resteranno chiusi fino al 3 febbraio.Da metà febbraio la sua idea innovativa è lì: non sarà una start up, ma è pronta per l'esame del Parlamento.In Carnia restano senza elettricità alcuni centri, fra cui diverse frazioni di Lauco, Rigolato e Forni Avoltri dove i carabinieri sono tornati a portare medicine e generi di prima necessità agli anziani.La prima proposta contemporanea per riconoscere legalmente "il mestiere" e passare la palla al fisco, risale al luglio 2016 ed è di un'altra veneta: la grillina Erika Baldin, guarda caso pure di Chioggia, mobilitata sulla piattaforma Rousseau con una mozione dal titolo non esattamente sintetico.
Intanto, un'avventura a lieto fine si registra a Sella Nevea: a quanto si è potuto apprendere dei liceali di Mirano sono stati aiutati a lasciare quel centro urbano, isolato da qualche giorno causa neve.
La quinta Commissione del Consiglio regionale, presieduta dal leghista Fabrizio Boron, ha dato il via libera alla proposta di legge statale che punta a "disciplinare l'esercizio della prostituzione".
A Venezia, con o senza autonomia, si annuncia battaglia: e nemmeno il più ottenebrato dei maschilisti questa volta osa dire "prime le venete".
In pianura e nella Bassa resta alta l'allerta per allagamenti ed esondazioni.
"La legge Merlin - dice - è stata un disastro: serve un albo delle prostitute, l'inasprimento delle pene per chi le sfrutta, l'ergastolo per chi coinvolge i minori".
Veneri a tassametro, le reali protagoniste di quellintero microcosmo che ruotava attorno alla famigerata quindicina : chi erano, con quali tipologie di clienti avevano a che fare, come si svolgeva la loro esistenza dietro le persiane abbassate, il tutto raccontato attraverso la malinconia, i ricordi.Entusiasmo invece nella Lega e nel M5S.Se ne parla solo prima delle elezioni, o quando non si sa come affrontare i problemi reali.Tutto questo materiale storico è stato affidato al signor Davide Scarpa, un esperto di antichità che partecipava alla demolizione.E il 2 febbraio hanno operato in Regione 70 volontari.Le case chiuse, i bordelli, i casini, o comunque si definiscano, sono una parte importante della storia dItalia, che ha lasciato tracce profonde nel Paese sia sul piano sociale, sia su quello culturale.Allinterno sono stati trovati Tariffari per le prestazioni, cosmetici, parrucche, bijou, ferri arriccia capelli, e preservativi.




[L_RANDNUM-10-999]
Sitemap